Crea sito

L'inizio della fine?

Corea-del-Nord

Da pochi giorni la notizia che circola tra le varie testate dei quotidiani, delle tv ed in rete è una sola: ci sarà guerra o no?

A giudicare dagli attori principali in questa diatriba la questione è ancora sospesa terribilmente. La Nord Corea, nella veste di Kim Jong-un ha dichiarato lo stato di massima allerta del Paese ed ha minacciato gli USA di un attacco militare armato, tramite ordigni atomici. Sostanzialmente una dichiarazione di guerra. Ma chi è questo personaggio che si atteggia in questo modo? è il terzo figlio di Kim Jong-il, avuto con Ko Young-hee, ed è l'attuale dittatore e leader della Corea del Nord dal 18 dicembre 2011, giorno successivo alla morte del padre. È il più giovane capo di stato al mondo. Ha il grado di Daejang(generale) delle forze armate della Corea del Nord e il 30 dicembre 2011 è stato nominato Comandante Supremo dell'Esercito Popolare di Corea.

Di lui come del suo paese si sa ben poco, in quanto i media nazionali nordcoreani non lasciano trapelare molto. Si sa che questo capetto impertinente ha studiato in un collegio svizzero, la Scuola Inglese Internazionale di Berna, fino al 1998, sotto pseudonimo. Secondo Kenji Fujimoto, ex cuoco personale di Kim Jong-il tra il 1998 e il 2005, Jong-un sa parlare, oltre al coreano, inglese, francese e tedesco (anche nella sua variante svizzera), è un appassionato di pallacanestro(compreso Micheal Jordan) e amante della vita lussuosa.Ha studiato privatamente Scienze Informatiche nel suo paese ed ha ottenuto due lauree, una in fisica all'Università Kim Il-sung e una all'Accademia Militare Kim Il-sung.

Inizialmente, il favorito alla successione di Kim Jong-il era il secondo figlio di quest'ultimo, Kim Jong-nam, ma dal 2008-2009 le cose appaiono differenti. Dopo la malattia del "Caro Leader", che lo ha incapacitato per un certo periodo, l'agenzia informativa sudcoreana Yonhap nel gennaio 2009 ha dichiarato che Jong-un era stato nominato successore del padre. A maggio, la BBC diffuse voci secondo cui Jong-un era candidato all'Assemblea Suprema del Popolo(il parlamento nordcoreano), successivamente smentite. Secondo il The Time, Jong-un si sarebbe recato anche in Cina per "presentarsi" alla leadership cinese, fatto che il Ministero degli Esteri cinese ha smentito con forza. Da giugno si sono fatte più insistenti le voci che lo vorrebbero successore del padre alla guida del Partito del Lavoro di Corea; Jong-un sarebbe stato nominato "Yongmyong-han Dongji"(영명한 동지), ovvero il "Brillante Compagno", un epiteto simile a quello di "Grande Leader" per Kim Il-sung e "Caro Leader" per Kim Jong-il.

Il 27 settembre 2010, appena alla vigilia della Conferenza nazionale del Partito del lavoro, è stato nominato generale dell'Esercito insieme alla zia Kim Kyong-hui. Il 28 settembre, nel corso di detta conferenza, è stato eletto membro del Comitato centrale del Partito del lavoro e vicepresidente della sua Commissione militare. Da allora ha presenziato a molte funzioni ufficiali insieme a suo padre, compresa la parata per il 65º anniversario del Partito del lavoro il 10 ottobre. A novembre è stato nominato ufficialmente secondo, in ordine di importanza, nel comitato organizzatore dei funerali di Jo Myong-rok, immediatamente dopo Kim Jong-il.

Il 19 dicembre 2011, all'annuncio della morte del padre(avvenuta due giorni prima), la TV di stato nordcoreana lo presenta come il Grande Successore, invitando la nazione ad unirsi intorno al nuovo leader, in pratica ufficializzando il completamento del cursus honorum con la successione al padre e al nonno. L'11 aprile 2012 la quarta conferenza generale del Partito del Lavoro di Corea lo elegge primo segretario del partito, e nomina segretario generale eterno suo padre defunto Kim Jong-il.

Il 18 luglio dello stesso anno è stato nominato "maresciallo" dell' esercito nordcoreano. L'annuncio prelude probabilmente alla nomina di Kim Jong Un a capo delle forze armate del Paese. Pochi giorni dopo le agenzie ufficiali di stato nordcoreane annunciano che Kim Jong-un si è sposato con la ventisettenne Ri Sol-ju, ballerina e cantante, che solitamente l'accompagna in varie cerimonie ufficiali(dall'inaugurazione di centri fitness e benessere, fino alle parate militari dove vengono sfoggiati ogni tipo di armamento in dotazione alla Corea del Nord).

La domanda che viene da chiedersi è: se è vero che questo giovane signore è a tutti gli effetti un dittatore, la sua mente sarà adombrata dalla classica pazzia dei dittatori, dunque va da se che è facile pensare che lui soffra di un complesso d'inferiorità rispetto agli altri leader del mondo e debba esplicare questa sua problematica dichiarando guerra agli USA. Se fosse così semplice la questione basterebbe un calmante, oppure una visita dallo psicologo per risolvere questo conflitto mondiale, ma purtroppo non è così. La domanda è: se questo signore è un dittatore ed il suo paese si trova da 60 anni in crisi perenne...con quali soldi ha comprato tutte quelle armi...e soprattutto chi gliele ha vendute?

Facendo una piccola ricerca su internet ci si imbatte in una situazione che ha dell'assurdo. Secondo il rapporto annuale del Sipri, l'Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma, per quello che riguarda il 2010, l'Italia si piazza all'ottavo posto nel mondo fra i produttori di armi. Questo per merito di Finmeccanica che, nell'ultimo anno, ha registrato vendite per 24.76 miliardi di dollari e un profitto di 0,74 miliardi. Tutto dalla vendita di aerei, artiglieria più o meno pesante, missili, veicoli militari, munizioni. Al primo posto di questa classifica, troviamo l'americana Lockeed Martin, con 35.7 miliardi di profitti, seguita dall'inglese Bae Systems (32.9 miliardi), dalle americane Boeing, Northrop Grumman, General Dynamics e Rayton. Settima piazza per la Eads (Europa), poi Finmeccanica, e altre due americane: la L-3 Communications e la United Technologies. Andando ancora indietro nella classifica, troviamo Fincantieri al settantatreesimo posto, con 940 milioni di introiti per le forniture alle navi da guerra.

A quanto pare l'industria delle armi non conosce crisi. Tra le ultime novità il nuovo AK12. Si tratta del modello che dovrebbe entrare in produzione per sostituire gli AK47 e 74. Secondo la Izmash il nuovo fucile automatico d'assalto russo dovrebbe essere prodotto in due versioni, una leggera (con munizioni 5.45x39 mm, come l'AK 74,5,56x45 mm NATO, 7,62x39 mm, come l'onnipresente AK47), ed una pesante (7,62x51mm). La prima é adatta ad accogliere i serbatoi in uso sui modelli in produzione attuale e un nuovo serbatoio da 60 colpi, la versione pesante invece utilizza un nuovo tipo di serbatoio. L'industria russa si avvicina ai prodotti moderni e funzionali sviluppati in ambito NATO. Caratteristiche del nuovo modello sono: uso ambidestro, guida picatinny, cover rinforzate, maggiore potenza e precisione, possibilitá di utilizzo con una sola mano, ergonomia. Anche l'industria russa segue quindi la strada di modelli d'arma automatica di nuova generazione, per competere con i nuovi modelli che si sono succeduti come M-4, Arx-160, Scar, H&K 41,Tavor etc. Gli ultimi comflitti hanno visto impegnate squadre di fanteria specializzate, per le quali é fondamentale ridurre la mortalitá in conflitti armati con terroristi, insurgents, etc. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Abbiamo 66 visitatori e nessun utente online