Crea sito

logo3

Il diritto di critica: questione di morale e di decenza

Cecile Kyenge
Le vicende che si sono verificate in queste ultime ore, circa il ministro dell'integrazione Cecile Kynge si commentano da sole. Inutile dire che gli attacchi della Lega Nord nei confronti della signora Kyenge risultano essere inaccettabili, sia per le definizioni volgari di Calderoli, vice presidente del Senato che definiva il ministro un "orango", sia per la rubrica della Padania, il giornale di partito della Lega, dove secondo la sua direttrice Aurora Lussana, tale scritto non poteva essere in alcun modo riconducibile ad uno sfogo di violenza nei confronti della Kyenge. Lega Nord

Ovviamente, tanto gli insulti gratuiti e beceri, quanto la rubrica, hanno prodotto un sistema a catena perverso, dove l'opportunismo politico si è unito ad un implicito sentore razzista, nemmeno poi tanto, da parte di alcuni, molti, che trovano ancora inaccettabile che una persona di colore possa ricoprire un incarico istituzionale così importante, come un ministero della Repubblica. Addirittura in aula si è parlato, grazie alla bocca di un esponente leghista, di "negritudine". Roba che ci porterebbe indietro di almeno 5 secoli. Se la signora Lussana si è trincerata affermando che la sua rubrica di fine giornale era simile in tutto e per tutto a quella fatta anche per altri esponenti del Governo e del Parlamento, la sua difesa è paragonabile a quella di un bambino che si nasconde dietro un filo d'erba per non essere trovato a nascondino. è vero che gli incontri pubblici della Kyenge sono stati riportati alla lettere sul giornale, dal sito ufficiale del ministero dell'integrazione, ma è anche vero che l'uso che si è voluto fare ha prodotto non un interessamento a quelli incontri pacifico, ma potenzialmente violento. D'altronde l'idea che per questa piccola rubrica si debba chiudere un intero giornale è  assolutamente assurda ed inopportuna. Aurora Lussana

 Infatti, se la Padania ha fatto un uso strumentale della rubrica per incitare all'odio razziale, nei confronti della persona della Kyenge, i suoi  difensori più accaniti, a partire da molti membri del PD come Ivan Scalfarotto e giornalisti di Repubblica e del Corriere della Sera hanno  prodotto un eccessivo accanimento nei confronti di quello scritto. La sola idea che un misero articoli possa produrre alla chiusura  dell'intero giornale è da allontanare il più presto possibile, perché questo ci riporterebbe indietro agli anni 30, dove il regime fascista  chiudeva i giornali anche per meno. Oggi, con una Costituzione in vigore, dobbiamo ricordarci dei suoi valori democratici e di libertà, a  partire dalla libertà d'espressione. Con questo, lungi da me dal giustificare che l'articolo in questione sia espressione di libertà, ma a mio  avviso solo d'ignoranza.

 Due eccessi insomma da ambedue le parti. Ma la vera domanda allora che si pone e che torna alla mia mente in questi ultimi mesi sovente  è: esiste un modo per criticare legittimamente qualche membro del Governo senza scatenare l'alzate di barricate bibliche? La risposta  probabilmente è no. La sinistra italiana, gran parte della borghesia radical chic e dei moderati centristi ritiene che nessuna critica,  nemmeno una parola possa essere detta alla Kyenge, ma questo perché? Il fatto che una persona sia di colore non vuol dire che non  possa essere criticata, così come il fatto di essere donna non può essere usato, vedi l'esempio della Boldrini, come scusante per evitare  ogni critica perchè altrimenti si verrebbe accusati di sessismo e maschilismo. Ancora non si può criticare il Presidente della Repubblica  Giorgio Napolitano perchè protetto dalle cariche più alte dell'UE, del FMI ed ovviamente della massoneria di cui lui fa parte dagli anni 50  dello scorso secolo. Figuriamoci azzardarsi solo a criticare l'Euro e chiedere l'uscita dall'eurozona, si correrebbe il rischio di ottenere degli  appellativi come terrorista, anarchico, rivoluzionario, demagogo, populista e persino disfattista. 

 Allora la questione si fa complicata, perché se una persona, un semplice cittadino non può più  manifestare legittimamente, all'interno della cornice giuridica della legge, il proprio dissenso per il fatto  che la Kyenge, dall'inizio dell'instaurazione di questo Governo Letta, non abbia prodotto nulla di  concreto o riconducibile al suo ministero ( e siamo già a gennaio 2014, quindi quasi un anno di  legislatura con le mani in mano) porta ad una deriva di distruzione democratica dell'intero impianto  dello Stato, intenso come istituzione. La critica è il sale della democrazia, senza discussione si seguirebbe un'unica via, che nel caso fosse errata, porterebbe all'autoeliminazione dell'Italia. Ci sarebbe inoltre da chiedersi quale sia il ruolo della Kyenge con il suo ministero, dato che non concepisco l'idea di un dicastero per l'integrazione. Soprattutto di chi? Degli stranieri o solo di alcuni di loro? Degli italiani nei confronti degli stranieri? Nulla è dato a sapere. Solo uno stolto potrebbe pensare che l'integrazione potrebbe essere promossa tramite una legge o peggio ancora tramite un ministero.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Abbiamo 33 visitatori e nessun utente online

Written on 23/08/2015, 14:26 by garkonda
duel-of-champions-duello DUELLO CLASSIFICATO E NON In un duello. il tuo mazzo affronta quello dell‘avversario sul campo di battaglia.   Scopo Lo scopo del dello...
Written on 22/08/2015, 15:14 by garkonda
duel-of-champions-primi-passi PRIMI PASSI - Interfaccia di gioco Il tuo vessillo, visibile all'avversario durante i duelli, può essere sostituito a piacimento nella...
Written on 16/08/2015, 15:32 by garkonda
duel-of-champions-recensione Il gioco di carte collezionabili ha ancora il suo fascino e tra Magic, Yu Gi Oh e Pokémon CCG, questo particolare ambito ludico - quello del...
Written on 29/06/2015, 16:43 by garkonda
il-vuoto VOLO Un paracadutista si lancia nell'atmosfera: si definisce vuoto un ambiente dove la concentrazione di particelle è inferiore a quella dell'aria, come...
Written on 14/06/2015, 08:17 by garkonda
hex-shards-of-fate-carte-senza-frammenti-artefatto-robot Analizziamo le carte della sezione Senza Frammenti per averle sempre a disposizione per costruire un mazzo o per combinarle con altri frammenti. In...
Written on 12/06/2015, 05:27 by garkonda
hex-shards-of-fate-carte-zaffiro Analizziamo le carte della sezione Zaffiro per averle sempre a disposizione per costruire un mazzo o per combinarle con altri frammenti Alcune carte...
Written on 11/06/2015, 05:34 by garkonda
hex-shards-of-fate-carte-frammenti Analizziamo le carte Frammenti ci serviranno per acquisire risorse e ricariche, ma soprattutto sono molto utili nei mazzi con due o più colori. ...