Crea sito

Le luci di Phoenix

Phoenix, Arizona, 13 marzo 1997. Qualcosa di straordinario nei cieli della città stava...

Atlantide, tra mito e realtà.

Atlantide, tra mito e realtà.

Mito, leggenda o realtà perduta? Quando si parla di Atlantide le parole si perdono nei...

Il caso Zanfretta

Il caso Zanfretta

Il caso Zanfretta è in assoluto uno degli esempi più importanti non solo d'Italia, ma del...

Le ombre dello spazio USA

Le ombre dello spazio USA

Il 2 Maggio 2013 durante l'Audizione sul Disclosure, il senatore Mike Gravel ha fatto una...

Progetto Iside

Progetto Iside

  Cosa accomuna l'ex KBG, una tomba, l'Egitto, strane morti e una mummia? L'unica...

Secretum Omega

Secretum Omega

Il cosiddetto Secretum Omega (dalla lettera greca "omega" che intende anche "la fine"), è...

L'esperimento di Philadelphia

L'esperimento di Philadelphia

Può scomparire un incrociatore della marina militare americana? Esiste l'invisibilità? Il...

Le linee di Nazca

Le linee di Nazca

Tra il Pacifico e le Ande, su di un'area di quasi 520 km quadrati, sono stati tracciate delle...

Lemuria: tra giganti e miti

Lemuria: tra giganti e miti

Spesso, quando si discute di civiltà perdute e continenti dimenticati, si ricorda in primis...

Il mostro di Loch Ness

Il mostro di Loch Ness

Immagino che molti di voi riconoscano la foto posta qui sopra. Si tratta del mostro di Loch...

  • Le luci di Phoenix

    Venerdì, 25 Gennaio 2013 17:11

    Published in X_FILE

  • Atlantide, tra mito e realtà.

    Atlantide, tra mito e realtà.

    Mercoledì, 23 Gennaio 2013 19:19

    Published in Mistero

  • Il caso Zanfretta

    Il caso Zanfretta

    Giovedì, 28 Febbraio 2013 21:15

    Published in X_FILE

  • Le ombre dello spazio USA

    Le ombre dello spazio USA

    Mercoledì, 08 Maggio 2013 18:23

    Published in X_FILE

  • Progetto Iside

    Progetto Iside

    Giovedì, 24 Gennaio 2013 18:38

    Published in X_FILE

  • Secretum Omega

    Secretum Omega

    Domenica, 09 Giugno 2013 16:54

    Published in X_FILE

  • L'esperimento di Philadelphia

    L'esperimento di Philadelphia

    Sabato, 11 Maggio 2013 13:43

    Published in Mistero

  • Le linee di Nazca

    Le linee di Nazca

    Venerdì, 15 Marzo 2013 13:37

    Published in Mistero

  • Lemuria: tra giganti e miti

    Lemuria: tra giganti e miti

    Sabato, 21 Settembre 2013 12:38

    Published in Mistero

  • Il mostro di Loch Ness

    Il mostro di Loch Ness

    Domenica, 24 Marzo 2013 17:59

    Published in Mistero

Le linee di Nazca

Linee di Nazca

Tra il Pacifico e le Ande, su di un'area di quasi 520 km quadrati, sono stati tracciate delle linee raffiguranti enormi disegni geometrici, animali e non solo. Ma chi le ha disegnate e perchè?

 

L'altopiano di Nazca è uno dei luoghi più aridi della Terra, tra le città di Nazca e Palpa, nel Perù meridionale. Per darvi l'idea del clima che lì si trova, se una persona in questo momento camminasse su quel terreno, le sue impronte rimarrebbero visibili per molti anni, probabilmente decenni. Il suolo di tale luogo è composto da un misto di sabbia, argilla e calcite, è arido ed il suo colore varia da un giallo ocra ad un rosso scuro. La superfice è spezzata qua e là da aguzzi frammenti di roccia rossiccia, trasportata dal vento, divenuti neri per via dell'azione del lieve manto di polvere del deserto.

Ad eccezione di qualche appunto lasciatoci dai cronisti spagnoli tra il XVI e XVII secolo, le linee di Nazca furono ingnorate fino a circa 50 anni fa. Le linee sono tracciate rimuovendo le pietre contenenti ossidi di ferro dalla superficie del deserto, lasciando così un contrasto con il pietrisco sottostante, più chiaro. La pianura di Nazca è ventosa, ma le rocce della superficie assorbono abbastanza calore per far alzare l'aria proteggendo il suolo. Così i disegni giganti sono rimasti intatti per centinaia di anni. Ciò nonostante, a causa delle caratteristiche del suolo è molto difficile poter datare con sicurezza il periodo in cui furono costruite, specialmente per la difficoltà di applicare il sistema di datazione con il Carbonio 14, che non ha dato risultati soddisfacenti. Gli scienziati si sono avvalsi di altri metodi, come il confronto tra le figure dei geoglifi e quelle trovate sul vasellame della civiltà nazca. Ai margini della Pampa, gli archeologi hanno scoperto la città cerimoniale dei nazca, Cahuachi, da cui si ritiene provenissero gli artefici delle linee, create raschiando la roccia fino a mettere a nudo il giallo sottostante.

Necropoli nazca

La cultura di nazca sorse in seguito al declino della cultura di paracas, verso il 200 d.C. e viene divisa in 3 periodi: antico, tardo e terminale(che coincidono con i tipi di ceramica studiati dagli archeologi). Nei disegni che decorano le ceramiche, gli antichi abitanti di Nazca non hanno raffigurato solo se stessi, ma anche i loro feticci, quindi animali e divinità, piante, utensili e persino strumenti musicali. Le ceramiche del periodo antico erano molto variopinte(si dipingeva immediatamente, senza necessità d'incisione precedente) e presentavano una maggiore varietà di disegni a carattere naturalistico, mentre quelle del periodo tardo è caratterizzato da disegni più stilizzati e scadenti, ciò a dimostrazione dell'influenza di una cultura vicina, ovvero quella dei wari dei bassipiani.

Per poter osservare nella loro completezza questa splendide raffigurazione sul suolo, bisogna stare almeno a 500 m d'altezza. è proprio questo uno degli elementi che giustificherebbe l'ipotesi che siano stati degli esseri alieni, invece che la popolazione di Nazca a disegnare queste opere, o che non fossero delle raffigurazioni, ma delle piste d'atterraggio per navi aliene(tutto ciò rimane un'ipotesi, in quanto c'è solo questo elemento, pura congettura, almeno fino ad oggi). Ciò che rende particolare tale luogo è che da almeno 10 mila anni(all'epoca non vi era deserto, ma foreste tropicali, come quelle che sono sparse in gran parte dell'America latina) non si verifica una precipitazione atmosferica, dunque ecco perchè tali linee si sono conservate in maniera così ottimale. Proprio per queste condizioni climatiche particolari, la NASA stessa ha effettuato in tale regione alcune ricerche e studi per verificare se fosse possibile la vita su Marte, data la comunanza di alcune caratteristiche climatiche. Aggiungo che il terreno contiene anche gesso, quindi i vari ciotoli e pietre si attaccano al suolo, grazie all'azione umidificante delle ore notturne(altro elemento che ha preservato le linee). 

Linee di Nazca3Linee di Nazca2

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Abbiamo 76 visitatori e nessun utente online