Crea sito

Le luci di Phoenix

Phoenix, Arizona, 13 marzo 1997. Qualcosa di straordinario nei cieli della città stava...

Atlantide, tra mito e realtà.

Atlantide, tra mito e realtà.

Mito, leggenda o realtà perduta? Quando si parla di Atlantide le parole si perdono nei...

Il caso Zanfretta

Il caso Zanfretta

Il caso Zanfretta è in assoluto uno degli esempi più importanti non solo d'Italia, ma del...

Le ombre dello spazio USA

Le ombre dello spazio USA

Il 2 Maggio 2013 durante l'Audizione sul Disclosure, il senatore Mike Gravel ha fatto una...

Progetto Iside

Progetto Iside

  Cosa accomuna l'ex KBG, una tomba, l'Egitto, strane morti e una mummia? L'unica...

Secretum Omega

Secretum Omega

Il cosiddetto Secretum Omega (dalla lettera greca "omega" che intende anche "la fine"), è...

L'esperimento di Philadelphia

L'esperimento di Philadelphia

Può scomparire un incrociatore della marina militare americana? Esiste l'invisibilità? Il...

Le linee di Nazca

Le linee di Nazca

Tra il Pacifico e le Ande, su di un'area di quasi 520 km quadrati, sono stati tracciate delle...

Lemuria: tra giganti e miti

Lemuria: tra giganti e miti

Spesso, quando si discute di civiltà perdute e continenti dimenticati, si ricorda in primis...

Il mostro di Loch Ness

Il mostro di Loch Ness

Immagino che molti di voi riconoscano la foto posta qui sopra. Si tratta del mostro di Loch...

  • Le luci di Phoenix

    Venerdì, 25 Gennaio 2013 17:11

    Published in X_FILE

  • Atlantide, tra mito e realtà.

    Atlantide, tra mito e realtà.

    Mercoledì, 23 Gennaio 2013 19:19

    Published in Mistero

  • Il caso Zanfretta

    Il caso Zanfretta

    Giovedì, 28 Febbraio 2013 21:15

    Published in X_FILE

  • Le ombre dello spazio USA

    Le ombre dello spazio USA

    Mercoledì, 08 Maggio 2013 18:23

    Published in X_FILE

  • Progetto Iside

    Progetto Iside

    Giovedì, 24 Gennaio 2013 18:38

    Published in X_FILE

  • Secretum Omega

    Secretum Omega

    Domenica, 09 Giugno 2013 16:54

    Published in X_FILE

  • L'esperimento di Philadelphia

    L'esperimento di Philadelphia

    Sabato, 11 Maggio 2013 13:43

    Published in Mistero

  • Le linee di Nazca

    Le linee di Nazca

    Venerdì, 15 Marzo 2013 13:37

    Published in Mistero

  • Lemuria: tra giganti e miti

    Lemuria: tra giganti e miti

    Sabato, 21 Settembre 2013 12:38

    Published in Mistero

  • Il mostro di Loch Ness

    Il mostro di Loch Ness

    Domenica, 24 Marzo 2013 17:59

    Published in Mistero

Atlantide, tra mito e realtà.

Atlantide

Mito, leggenda o realtà perduta?

Quando si parla di Atlantide le parole si perdono nei meandri oscuri e dimenticati del passato, difficilmente si riesce a capire se si sta parlando di realtà o finzione. Sono moltissime le teorie che circolano riguardo questo argomento. Ho deciso di esporne una poco conosciuta, ma che agli archeologi e studiosi di civiltà antiche non sembra così inverosimile come all'uomo comune. 

Platone

Incominciamo dicendo che le prime fonti scritte in assoluto che parlano di Atlantide(fino ad ora scoperte) sono due scritti di origine greca, scritti dal celeberrimo filosofo Platone, ovvero il Timeo(360 a.C.) ed il Crizia. Secondo queste fonti Atlantide era un'isola molto grande, tanto è vero che spesso veniva considerata un vero e proprio continente, abitata da un popolo antichissimo, ricco e prospero, capace di cose grandiosi, specie circa l'abilità della costruzione e della conoscenza. Platone indica come primo re dell'isola Atlante, figlio di Poseidone. Ecco il primo elemento, quello divino. Spesso gli antichi davano questa accezione a molti fenomeni di cui non comprendevano l'esatta natura, per cui possiamo ipotizzare che la popolazione fosse elevata sotto il profilo tecnologico rispetto ai greci ed alle numerose altre culture antiche.

Poseidone

Non solo, il popolo atlantideo era conosciuto per la sua attenzione alla scienza, in campo astronomico, ed in quello dell'architettura e costruzione. La capitale dell'isola risultava essere il prodotto sopraffino di anni di duro lavoro ed ingegno, era una sorta di costruzione fatta a cerchi di pietra levigata ed intagliata concentrica, dove tra uno strato e l'altro della città vi era dell'acqua marina. Nel centro della città vi era il palazzo di Atlante, centro di controllo e sede dell'autorità dell'isola. Per potervi accedere, bisognava utilizzare necessariamente un'imbarcazione, che partendo dal bordo esterno, attraversasse il grande cancello sempre controllato da guardie armate e mai dormienti, seguire la via, superando il cerchio esterno più grande, poi quello intermedio ed infine il più piccolo, per poi giungere a palazzo.

Il popolo atlantideo era però conosciuto forse di più dalle altre civilità per la sua capacità bellica. Dotato infatti della marina più imponente ed avanzata del mondo antico, ogni popolo era soggetto al suo strapotere incontrastato, ma anche se qualcuno avesse potuto difendersi dalle imbarcazioni avrebbe incontrato la morte dato che gli atlantidei era anche egemoni a terra. I soldati erano dotati di armi bianche come spade, mazze, lance, di metallo lucente e mai rovinato ed armi a distanza, sempre in ordine, quasi volessero ricordare nel futuro le legioni romane, avanzavano intrepidi, con sguardo di ghiaccio e grida orrende, per distruggere il nemico nell'animo prima ancora di fendere il corpo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Abbiamo 60 visitatori e nessun utente online