Crea sito

La traversata infinita e sudaticcia

O me tapino, che vado in cerca di casa e rifugio sicuro, questa notte vago per i meandri di...

Massime del Buddha Il Pensiero

Massime del Buddha e del pensiero buddista

Massime del Buddha - La Riflessione

Massime del Buddha e del pensiero buddista

Poesie di De Jesus Yahaira

Bellissime poesie in Spagnolo

Massime del Buddha I Fiori

Massime del Buddha e del pensiero buddista

Epicuro - Massime e Aforismi

Epicuro - Massime e Aforismi

      Le massime e gli aforismi di filosofo greco che amava il piacere e...

Massime del Buddha Lo Stolto

Massime del Buddha e del pensiero buddista

Sonetti Dante Alighieri

I migliori sonetti della "Vita Nuova" di Dante Alighieri

La Legge di Murphy

La Legge di Murphy

Legge di Murphy:

Massime del Buddha Il Pensiero

Massime del Buddha e del pensiero buddista

 

L'uomo saggio raddrizza il proprio pensiero
malfermo, vacillante
difficile da conservare e da trattenere
cosi come colui
che fabbrica un dardo fa con la freccia
Il nostro pensiero vacilla quando deve rinunciare
a soggiacere al dominio di Mara,
così come il pesce che viene strappato
alla sua dimora d'acqua.

 

È cosa buona dominare il pensiero,
difficile da afferrare, fatuo,
che insegue ciò che gli piace;
il pensiero dominato reca felicità
Che l'uomo custodisca il pensiero,
difficile da afferrare, che si divincola,
che insegue ciò che gli piace;
Il pensiero ben custodito reca felicità

 

Chi controlla il pensiero, che viaggia lontano,
che procede in solitudine,
che è astratto, che vive in fondo al cuore,
sarà libero dai legami di Mara.
Chi possiede un pensiero non stabile,
ignora la buona legge ed è turbato
nella sua pace mentale,
Costui non avrà mai la conoscenza perfetta.

 

Chi possiede un pensiero attento, una mente ben salda
e ha lasciato il bene e il male,
costui non nutre timore mentre vigila
Avendo ben presente che il proprio corpo è fragile
come un orcio e rendendo forte il proprio pensiero
come una fortezza, si vada all' assalto di Mara
con l'arma del sapere e, dopo averlo battuto
si vigili su di lui senza tregua

 

Ahimè, tra breve giacerà a terra questo corpo vilipeso,
senza conoscenza, come un pezzo d'inutile legno.
Il pensiero malamente guidato compie
(nei confronti dell'uomo) un male peggiore di quello
che un uomo colmo di odio può fare a chi lo odia,
o un nemico a chi gli è nemico.

 

Il pensiero ben guidato copie (nei confronti dell'uomo)
del bene in misura maggiore di quello
che potrebbe fare un padre, o una madre, o altro parente

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


Abbiamo 30 visitatori e nessun utente online